Deep Web & The Hidden Wiki

0

deepwebEccomi a parlare del famigerato Deep Web.

Per deep web intendiamo tutta quella parte di internet non indicizzata dai motori di ricerca, che si sviluppa all’interno della piattaforma Tor.

Per accederci ci sono due alternative:

– Installare il software Tor Browser Bundle;

– Utilizzare un servizio di Tor2Web

Utilizzando un servizio Tor2Web visualizzeremo direttamente dal nostro IP i siti .onion, perdendo però così tutti i benefici dell’anonimato, e data la natura dei contenuti ne è sconsigliato l’utilizzo.

Installando il pacchetto Tor, ci troveremo a navigare più lentamente, ma al sicuro da sguardi indiscreti.

Riferimenti

Data la natura (nascosta appunto) del deep web, al primo impatto potremo trovarci spiazzati dal momento che muoversi non è proprio facilissimo senza sapere prima dove trovare quello che cerchiamo. Ahmia.fi è un servizio di indicizzazione di siti onion e ci permette di visualizzarli direttamente con un click. Onion.to è un sito che ci permette di visualizzare siti .onion.

A differenza di Ahmia, non ne indicizza il contenuto. http://kpvz7ki2v5agwt35.onion/wiki/index.php/Main_Page <– Questo è il link della Hidden Wiki, la bibbia del deep web, un sito in stile Wikipedia che raccoglie e inserisce ogni contenuto conosciuto (e di rilievo) sul deep web. La Hidden Wiki è forse il punto di partenza per ogni internauta curioso di sperimentare il lato oscuro di internet, nasce come un sito imparziale, catalogando (con numerose critiche) anche siti con contenuto non proprio legale e morale.

Cosa Troviamo

Cercando, puoi trovare davvero di tutto, il mio consiglio però, è quello di cominciare proprio con la Hidden Wiki ed esplorare pian piano ogni angolo, spulciando qua e la potremo facilmente trovarci davanti a veri e propri mercatini di armi, droga, medicine, un piccolo eBay dell’illegalità, per anonimizzare gli scambi monetari si utilizza come moneta ufficiale il BTC, il BitCoin, una moneta virtuale che ha riscosso un successo mondiale proprio grazie al suo sistema di funzionamento anonimo.

Per i più curiosi sarà facile imbattersi in blog di esperimenti su esseri umani, reclutamento di assassini, scambi di documenti di identità falsi e tutta una serie di servizi di certo lontani da quelli a cui siamo normalmente abituati a trovarci su Amazon o su eBay :) La cosa peggiore sulla quale puoi imbatterti sono i numerosi siti, chat e forum riguardanti pedofilia.

Gli Anonymous qualche anno fa hanno compiuto il primo attacco contro Hard Candy, un sito di riferimento di pedofili pubblicando su web nomi, indirizzi e-mail di persone collegate a quel genere di attività, tuttavia, proprio a causa dell’anonimato, è impossibile arrestare il fenomeno.

Conclusioni

Il deep web è sicuramente un forte strumento di libertà, è anarchico, e per questo motivo non è controllato e non è possibile (ad oggi) farlo. Non spetta a noi decidere cosa sia giusto o cosa sia sbagliato, la moralità “la dentro” non esiste, esiste solo il buon senso (che si sa…) è molto soggettivo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: