t_logo

Ora che WhatsApp è passato nelle mani di Facebook, immagino che ci sarà qualche rischio per l’incolumità dei nostri dati personali (e magari anche sulle comunicazioni). Cercando in rete si trovano altre mille alternative molto in voga tra i giovani: WeChat, ChatON, Hangouts, Hike, KakaoTalk, Line, Nimbuzz, Tango, Viber e mooooolte altre… ma una si differenzia talmente tanto da queste che ho deciso di proporvela, si chiama Telegram Messenger (sito ufficiale).

Continue reading →

Eccomi dopo tanto, davvero troppo tempo ad aggiungere un articolo sul blog. Troppi impegni sono la causa della mia assenza quindi il poco tempo mi costringe a scegliere SE scrivere o SE smanettare con la tecnologia.
Di recente mi sono interessato allo studio del mio primo linguaggio di programmazione (tralasciando trascorsi adolescenziali con Visual Basic di cui ahimè ho perso ogni base) e quindi, grazie a codecademy.com ho cominciato ad apprendere l’utilizzo di Python se pur ancora moltissimi concetti non entrino (ma lo faranno!) ho creato il mio primo programma che mi permette di controllare ogni apparecchio connesso  alla mia rete domestica e determinare se sia attivo o disattivo e che mi informi del suo stato tramite e-mail.

Continue reading →

 

Con questo Tweet, l’applicazione ufficiale di MEGA, il popolare servizio di cloud sponsorizzato da Kim Dotcom, approda sul PlayStore di Google. La celebrità del web conosciuta sicuramente per il suo precedente capolavoro: Megaupload e per le sue continue lotte per la libertà su internet ci stupisce ancora.

Continue reading →

imagesDi recente lo scandalo DataGate mi ha fatto riflettere su quanto la nostra Privacy online sia importante e di quanto paradossalmente molti di noi sottovalutino le violazioni. Date le ultime scoperte riguardanti PRISM, grazie alle rivelazioni di Edward Snowden che ci hanno portato alla luce lo spionaggio globale di NSA, CIA e del governo americano (volutamente in minuscolo) ho potuto trarre una conclusione ovvia e banale: <<Siamo tutti sotto controllo>>. Molti di noi non hanno proprio nulla da nascondere e proprio per questo motivo (o falsa sicurezza) non sentono il bisogno di rivendicare un diritto sacrosanto: La libertà! Ma per i restanti la domanda sorge spontanea: Come possiamo difenderci?

Continue reading →